News 05 | 03 | 2020

Il vino è donna, o meglio, lo è una nutrita parte delle sue protagoniste. Dai consumi di vino italiano in importanti Paesi Target al numero di aziende a conduzione femminile nel Bel Paese il settore enoico si tinge di…rosato.


Dal 2017 esiste un trend in ascesa, quello che vede le donne italiane preferire il vino rispetto agli uomini. Secondo l’ISTAT sarebbe oltre il 40% delle intervistate, contro il 35% a maggioranza maschile a prediligere questa bevanda rispetto ad altri alcolici e superalcolici.

Un uso che, sempre secondo le interviste dell’ente di ricerca, sarebbe riservato ad un consumo sporadico ma costante, per celebrare eventi speciali o in occasione di cene, weekend e altri momenti conviviali.

Crescono allo stesso tempo le donne manager titolari di cantine e aziende di produzione vitivinicola. Un segmento che rappresenta quasi il 30% del vino prodotto in Italia, con un ruolo da protagoniste in tutto l’indotto e nell’export.

Tra queste, come evidenziato dai dati raccolti dall’Associazione Le Donne Del Vino, giornaliste, sommelier, export manager, ristoratrici e altre tipologie di professioniste operanti nel settore.

Il dato davvero rilevante del 2019, però, è stato quello relativo ai consumi di vino italiano all’estero, con sempre più donne inclini alla scelta di etichette nobili italiane rispetto alla popolazione maschile, più concentrata su altre tipologie di alcolici.

Donne del Vino: figura chiave del nostro Made In Italy

Appassionate, determinate e aperte alle novità. L’identikit delle donne del vino italiane è quello di imprenditrice attente ai grandi temi sociali del nostro tempo, con un occhio di riguardo all’eccellenza, alla sostenibilità e al desiderio di crescere.

Più inclini alla produzione di vini naturali e biologici, con particolare attenzione al design e alla promozione, non solo in termini meramente commerciali ma anche, e soprattutto, “emozionali”. Le vignaiole italiane stanno ridisegnando il concetto di Made In Italy attraverso la produzione di vini in grado di raccontare i diversi territori di coltura, la propria storia e tutta la passione di questo lavoro.

Un obiettivo che negli ultimi anni è stato determinante in una ulteriore brandizzazione dell’italian wine, all’insegna di una qualità riconosciuta in tutta il mondo. Non a caso, quasi il 30% delle cantine italiane è oggi fieramente guidato da “manager in rosa”. Sono oltre 4mila le donne agronomo in Italia, alle quali è necessario aggiungere quelle che operano nel settore della promozione e commercializzazione del prodotto, e che ogni giorno contribuiscono alla crescita di un mercato tra i più influenti e rappresentativi d’Italia.

Dall’Amarone ai bianchi fermi: le donne europee amano i vini italiani (più degli uomini)

È un quadro interessante quello che emerge dall’ultimo rapporto Nomisma Wine Monitor e dai dati raccolti dal Consorzio di Tutela Vini della Valpolicella in occasione della presentazione dell’Amarone 2016 agli inizi del Febbraio scorso.

Tra i principali Paesi esteri a maggior consumo di vino italiano, la Germania è quella con la più alta percentuale di donne amanti delle etichette nostrane. Proprio l’Amarone, infatti, sarebbe il prediletto delle donne teutoniche, specie quelle nella fascia di età dal 40 ai 60 anni. Alti indici di gradimento anche di bollicine e bianchi fermi, con la Germania tra i primi Paesi Europei per importazione insieme al Regno Unito, le cui prestazioni future, però, potrebbero subire un brusco calo a causa della Brexit.

Ottimo trend anche negli altri mercati di riferimento dei vini della Valpolicella, con Stati Uniti e Canada in testa per importazione di etichette.

Il vino italiano è su OcmVino.it

Con una rete di collaboratori operanti nella promozione e vendita di vino italiano all’estero, OcmVino.it è oggi il principale network italiano di informazione e reperimento fondi Ocm Vino con un occhio di riguardo costante nei confronti del mercato enoico internazionale.

Non perdere i nostri aggiornamenti e l’uscita dei nuovi bandi Ocm Vino, Ocm Vino Paesi Terzi e Ocm Vino Investimenti: iscriviti alla newsletter OcmVino.it nel riquadro qui in basso!

Non perderti gli aggiornamenti sull'ocm vino

Pin It on Pinterest

Share This