Nuovo finanziamento a fondo perduto per cantine vinicole del casertano

cantine aperte

È stato pubblicato un nuovo bando che finanzia la partecipazione a fiere in Italia.

La Camera di Commercio di Caserta apre un piccolo ed interessante scenario per le aziende agricole, agroalimentari e artigiane locali. La partecipazione è riservata a Piccole e Medie Imprese Grandi e Micro Aziende operanti nella sola Provincia di Caserta iscritte nelle liste dalla CCIAA di competenza e offre un contributo a fondo perduto fino al 50% dell’importo necessario al noleggio di stand e postazioni in fiera, spedizione o trasporto dei prodotti da esporre, partecipazione e iscrizione in cataloghi e altro materiale distribuito o pubblicato per promuovere l’evento.

La scadenza prevista per partecipare al bando è stabilita per il prossimo 30 Aprile 2017.

Al bando possono aderire inoltre commercianti, professionisti del settore turismo e associazioni no-profit o di carattere culturale, ricettivo e sociale.

La dotazione finanziaria del bando ammonta a 90 mila euro complessivi, che possono essere impiegati anche per attività orbitanti attorno al settore fieristico come servizi di consulenza, promozione e export.

Spese finanziabili con il bando

Sono ammissibili le seguenti spese:

  • noleggio area espositiva e servizi fieristici di supporto alla presenza in fiera (ivi comprese le quote obbligatorie di iscrizione alla manifestazione e nel catalogo della stessa, assicurazione, pulizia stand, interpretariato, servizio hostess);
  •  allestimento spazio espositivo;
  • spedizione, curata da un soggetto terzo, dei prodotti da esporre.

Non concorrono alla determinazione del contributo le spese di viaggio, vitto e alloggio del personale incaricato di presenziare alla fiera ne’ quelle a diverso titolo sostenute.
>> Attenzione: l’importo complessivo delle spese ammissibili deve superare i 2 mila euro, pena l’inaccettabilità della domanda di finanziamento.

Se hai bisogno di una consulenza sul bando CCIA Caserta compila il form e invia, sarai ricontattato entro 24 ore

Accetto la Privacy »

 

Partecipare a fiere ed eventi: promuovere il proprio business coerentemente

La partecipazione a fiere ed eventi legati al settore vino è da sempre un’operazione molto ambita dai protagonisti di questo settore. Al di là della semplice promozione dei prodotti della cantina, delle degustazioni degli stessi e dell’affermazione del proprio brand all’interno del mercato di riferimento, lo stand fieristico ricopre un ruolo necessario alla costruzione di una rete di contatti utili al lavoro di una cantina vinicola.

Questo perché più di di numeri, formule, algoritmi e strategie legate alla sponsorizzazione online e offline di un brand, un appuntamento “dal vivo” costituisce ancora oggi la strada più diretta per stabilire un contatto con clienti, risorse, collaboratori e altre figure utili al lavoro di un’azienda. È proprio la fiera il momento più intenso di appuntamenti e visite di potenziali clienti e fornitori.

Spesso l’ostacolo apparentemente più complesso da valutare, specialmente per una piccola o giovane azienda, resta quello relativo ai costi degli stand fieristici, degli allestimenti e ai costi di iscrizione a fiere ed eventi e se questi siano coerenti con il tipo di servizio, audience e piano spesa necessario ad organizzarli.

Per questo è sempre bene affidarsi ad eventi promossi da organi ed enti istituzionali, o i cui promotori siano agenzie del settore stimate e conosciute per la professionalità del proprio operato. Questo è possibile, da un lato, verificando le informazioni e i feedback presenti online sulle figure appena citate, oppure affidandosi ad agenti e professionisti n grado di consigliare l’imprenditore in merito agli investimenti più interessanti da effettuare in questo campo.

Siamo tutti a conoscenza dei benefici dettati dal presenziare con il proprio brand all’interno di eventi, internazionali e non, ormai riconosciuti e affermati, ed è certamente scontato in questa sede dover ribadire quali siano i vantaggi del partecipare al VinItaly o al ProWein. Esistono però una vasta serie di progetti, celebrazioni, meeting e BtoB settoriali spesso ignorati, la cui partecipazione è però più accessibile per le PMI e i piccoli imprenditori, in grado di generare opportunità e contatti di discreto valore.

Fare rete o affidarsi ad una già costituita è quindi un’opportunità da non sottovalutare, all’interno della quale le competenze di ogni membro sono in grado di generare una sinergia utile al lavoro di tutti.

Finanziamenti per cantine vinicole: alcune cose da sapere

L’acquisizione di contributi a fondo perduto per aziende agricole, specie quelli inerenti il settore vino, è un’operazione tutt’altro che semplice. Restare sempre aggiornato sulla pubblicazione dei bandi, compilare le domande in forma corretta rispettando criteri richiesti, studiare una corretta strategia di investimento per la richiesta della somma da finanziare sono pratiche ostiche e per questo preferibilmente da declinare ad esperti in grado di smaltirle correttamente.

Non a caso esistono agenzie e uffici di consulenza impegnati quasi esclusivamente in questo tipo di attività e in grado di coadiuvare gli imprenditori nella ricerca e nell’acquisizione di contributi a fondo perduto mirati ad attività sempre diverse.

Esistono, per esempio, contributi per aziende agricole destinati all’ammodernamento degli impianti e delle linee di produzione, finanziamenti per l’impianto di nuovi vitigni, contributi per le spese e le attività di marketing tra cui, come abbiamo visto all’inizio dell’articolo, la partecipazione a fiere e l’apertura di nuovi mercati internazionali.